COERENZA

26.07.2016 06:19

Il Vangelo di ieri ( Mt. 20, 20,28 ) , nella festa di S. Giacomo Apostolo , dice molto sull’identità cristiana …. moltissimo . Interessante è ciò che si legge ai versetti 25 e 26 : “ Voi sapete che i governanti delle nazioni dominano su di esse e i capi le opprimono . Tra voi non sarà così ; ….. “ . Gesù , Dio , ci ha appena detto , ci ha appena insegnato , che la comunità cristiana è una nazione e lo ha detto 2000 anni fa quando la parola globalizzazione non si conosceva ancora , ma il mondo era di fatto più globalizzato di oggi , tanto che il cristianesimo , da allora , subito si globalizza , si diffonde nell’ambiente che si riteneva il mondo , il mondo allora conosciuto . Il cristianesimo sente , al pari di Ulisse , fremere dentro di sé il desiderio di conoscenza , la vocazione alla conoscenza , cioè la missionarietà , l’esportazione di un modello di vita , di concepire la vita che è appunto quello non di dominare né di opprimere , ma di essere nazione , unità e identità . Le comunità sorgono ovunque dal desiderio di conoscenza che spinge gli esploratori ( i novelli Ulisse ) sulle rotte per ogni dove …. la comunità cristiana è globale , come d’altra parte lo sono le nazioni che si affacciano sul bacino del Mar Mediterraneo . Oggi si muove la comunicazione , ieri era l’uomo che si doveva muovere per comunicare . Il modello che esportano le comunità cristiane è un modello di vita perfetto , perché non si fonda sul modo di pensare dell’uomo , ma sul modo di pensare di Dio . Dio non pensa per convenienza o per economia , Dio è amore dunque non pensa ….. ama , infatti al versetto 28 Gesù dice di sé che è venuto per : “ ….. dare la propria vita …. “ solo chi ama è disposto a dare la propria vita , anzi , dà la propria vita all’altro ricevendo in cambio la vita dell’altro …. un reciproco scambio intimo , totalizzante , unitivo che genera , si perpetua , si tramanda nel tempo ed oltre il tempo … l’amore è eterno perché c’è stato , è stato atto e un atto non si cancella mai , ha nel tempo , nella storia , il suo spazio . Su questo si fonda la famiglia , la comunità , la nazione . La nazione ha legami stretti , famigliari , si fonda sulla famigliarità su vincoli famigliari il cui legame è l’appartenenza ,l’identità una sorta di consanguineità . Il cristiano , il battezzato , rinuncia attraverso il battesimo alla sua vita per abbracciarne una nuova , diviene parte di una nazione , oltre i confini , oltre la lingua , oltre la razza , i battezzati sono legati tra di loro da un vincolo famigliare e governati dall’amore . Ci si rende subito conto il perché ai primi cristiani erano proibiti alcuni mestieri …. non potevano esercitare l’arte della guerra , non era loro consentito uccidere , molti infatti furono accusati di tradimento perché disertarono …. il loro credo li spinse a disertare , a deporre le armi , perché quelle armi dovevano diventare vomeri e falci …. pensiamo all’oggi ….. a cristiani con incarichi di responsabilità all’interno della comunità cristiana , della ecclesia e che svolgono delle professioni che sono in contrasto con i principi , l’etica e la morale cristiana . Mi chiedo ad esempio come un farmacista, fervente cattolico, possa vendere anticoncezionali quando la dottrina della Chiesa li vieta ( non sono un bacchettone pongo solo un problema di coerenza , di appartenenza e identità ) . Sicuramente ci saranno dei distinguo , ma sono labili giustificazioni …. e ancora non comprendo come una coppia che ottenga il divorzio civile , sia invitata ad astenersi dall’Eucarestia o non possa essere assolta nella confessione , quando una coppia che ottiene l’annullamento del loro matrimonio può non solo risposarsi in Chiesa , ma anche ricevere l’Eucarestia e il sacramento del perdono ….. l’impressione è che anche questo ( per come oggi è concepito ) è un divorzio e si abbia il coraggio di chiamarlo come deve essere chiamato anche se è una parola che scandalizza nella comunità cristiana, perché oggi vi sono delle sentenze di annullamento labili e risibili …… il Papa se ne è reso conto , ma le curie dove le coppie iniziano l’istanza molto spesso non se ne rendono conto … chissà perché ? …. potere e denaro sembra essere la molla che muove il mondo … ma anche certa Chiesa . Così in questo modo non si è più nazione … non si è più un bel niente …. si è alla mercè non di chi non è cristiano , non è cattolico , ma si presta il fianco alle critiche della nostra gente , dei cristiano – cattolici e ne hanno tutte le ragioni . Se poi a ciò aggiungiamo una classe sacerdotale che non è più all’altezza di educare , perché la sua vita non è più spendibile , perché collusa con la mondanità , beh … che altro c’è da dire ? Una cosa ci sarebbe da dire …. capisco ora perché il legislatore in questi anni invece di privilegiare la Chiesa Cattolica ( sicuramente più attiva di tutte le altre ) nella divisione dell’8 per 1000 , l’ha accodata alle altre religioni comprese le sette , e questo perché , mentre le altre religioni comprese le sette sono sconosciute al legislatore , la religione cattolica è conosciuta e giudicata poco credibile , dunque ritenuta al pari delle altre e come le altre riceve , non per ciò che fa riconoscendone di fatto un ruolo , ma perché solo considerata al pari delle altre , da legislatore , un serbatoio di voti . Non si invoca la severità , ma la coerenza ……. poi si è tutti peccatori ….. vero …… ma non è accettabile la serialità .