ETICA ED ESTETICA

02.10.2015 08:50

Leggo nel giornale “ Il Biellese “ di martedì 22 settembre chei lavori per il percorso fitness e il miglioramento della zona riservata ai cani, in zona Atap, hanno fatto un ulteriore passo in avanti  e che il progetto è stato apprezzato in Regione . Ne siamo tutti contenti soprattutto i cani …….. Si spenderanno 210.000 Euro …… e se ho capito bene altri 110.000 Euro saranno spesi per sistemare un’ area giochi , mentre nella centrale via Italia la gente cade , inciampando  nelle buche lasciate dai cubetti che si sono rotti o che sono usciti dalla loro sede o a seguito dell’argomento della loro trama , inoltre è sporca non curata , verte in uno stato di abbandono vergognoso , con quelle fioriere più marce che arrugginite e zeppe di immondizia . Il verde poi è lasciato andare Sindaco ed Assessori passino in via Vescovado dove la siccità ha seccato da due mesi la fioriera che si presta da rotonda di fronte al Palazzo Vescovile . Monsignore non osa certo protestare dopo che gli è stata regalata la piazza , la sua piazza ; ma io come cittadino segnalo l’incuria del centro , lo devo per giustizia di chi vi abita e lavora , di chi ha investito in attività commerciali e per il decoro stesso della città , del suo centro storico , in questo dovrei avere l’appoggio del banchiere della parrocchia del centro , ma per lui gli affari della sua azienda non sono interessati  dalla crisi nè l’incuria dei luoghi gli porta danno  .

Un cenno anche all’abbandono della via Amendola e mi chiedo se i signori che siedono in consiglio comunale opposizione compresa , raggiungendo la sede del comune non si guardino intorno , non osservino il suolo che pestano , ma come ho letto preferiscono fare polemiche e minacciare denunce per presunto razzismo , quando il primo razzismo è la discriminazione del centro cittadino .   E’ vero, per le campagne elettorali saranno spendili interventi visibili come l’area fitness e i servizi igienici per cani  , non certo gli interventi di buona amministrazione che è la manutenzione del bene comune . Questa è buona politica , come la intendeva Il sindaco di Firenze Giorgio La Pira , azione per il bene comune della polis , la città , che non è certamente l’area fitness o i servizi igienici per cani ma ciò che necessità ciò che urgente , vitale . Non si fa politica , non c’è azione , si stanno facendo spot elettorali spendibili al momento opportuno . Ciò che stupisce è che progetti del genere siano pensati e illustrati da un esponente cattolico , mi chiedo cosa significa essere cattolico oggi o di sinistra ,o di centro sinistra e cosa centra l’area fitness e l’area dei servizio igienici per cani in un progetto politico di gestione della città partorito da una giunta di centro sinistra , dove gli interessi da tutelare dovrebbero essere altri …  ma posso sbagliarmi ed essere smentito , ciò nonostante ritengo come uomo di Chiesa, come cristiano e come cittadino che ci sono interventi di manutenzione ordinaria che sono improrogabili da anni .

Ma ormai ci hanno abituato  a “sciropparsi” progetti assurdi che mai si attueranno o  interventi spot da spendere poi per quella continua lotta per quel potere incapace di divenire servizio , di mettersi a servizio potere fine a se stesso, se non inutile , non utile . Il mondo cattolico esce ancora una volta a pezzi , non sente il dovere di una critica , di esprimere un’ opinione nè dai cattolici dell’opposizione attenti alle politiche sociali perché come si sono loro stessi definiti educatori provenienti e rappresentanti dall’attento mondo del volontariato e dello scoutismo , né da quelli che siedono in giunta , anzi proprio da loro arriva il progetto , poi dal giornale , che per dovere di cronaca riporta l’estetica del progetto ma non la sua etica , non parlo poi dei cattolici impegnati sul fronte sociale che hanno ottenuto avuto da un’altra parte per cui meglio tacere nell’ottica di quell’opportunista “ tacebat “ ben imparato da monsignore . E monsignore ? Beh lui il cane non ce l’ha , né usufruirà dell’area fitness , ( magari preferisce quella del resort 4 stelle di Sportorno ,che tra pochi giorni raggiungerà , sicuramente più discreta ) ma tace perché il 26 dicembre durante il tradizionale aperitivo in ciò che resta del seminario ( una sala per aperitivo ) dopo il pontificale di Santo Stefano dovrà prendere sotto braccetto il Sindaco della città per il 4centenario dell’incoronazione . Dalle giunte precedenti ha ottenuto la piazza , la sua piazza , la piazza del faraone ora vuole la corona , vuole ottenere , pestando i piedi come i bambini capricciosi , la corona non per incoronare ,ma per incoronarsi perché il faraone nella sua onnipotenza deve potere incoronarsi …. delirio ….  è delirio di onnipotenza .