MUTI, MUTANO, MUTANDO

26.11.2015 08:27

Nella giornata di ieri ho ricevuto dagli amici telefonate di solidarietà , perché oggi pomeriggio mi recherò presso una struttura ospedaliera lombarda per concordare la data di un delicato intervento, a cui  uno dei miei figli deve sottoporsi .  Abbiamo aspettato mesi la chiamata dalla sanità piemontese con cui avevamo concordato, ma i tempi di attesa , malgrado le promesse , sono biblici per cui ci siamo rivolti alla sanità lombarda , molto più disponibile . Durante i mesi di attesa gli amici ci sono sempre stati vicini con il loro interessamento , e ne sono passati 9 . Gli amici si riconoscono da questi piccoli gesti , di interessamento e vicinanza  . Negli amici sono compresi anche alcuni confratelli ( pochi , molto pochi ) e con questo voglio dire che la situazione famigliare che stiamo vivendo è conosciuta , eppure malgrado inizi il Giubileo della Misericordia , malgrado si facciano proclami ,l’ultimo è leggibile sul giornale diocesano uscito l’altro ieri, sul tema della vendetta e si sbandieri attenzioni a questi e a quelli soprattutto allo straniero ( più manipolabili e disponibili e qui dovrebbero essere raccontati e non taciuti episodi anche piccanti ) monsignore non si è degnato né di telefonare direttamente né di far giungere un suo, anche solo parziale, interessamento .

Io d’altra parte non  appartengo a quella classe di borghesi di cui lui ama circondarsi che pensa solo a foraggiare i suoi capricci  e che ben si presta alla vendetta e al rancore per compiacerlo ( questi sono i sentimenti che cova e scatena ) inoltre come diffondono le sue collaboratrici sono un anti clericale mentre  parte del suo clero mi considera un traditore . Ho provato orrore per questo suo silenzio , questa sua insensibilità che è tipica del mercenario non del pastore , il mercenario è uomo che si vende al migliore offerente , una forma di prostituzione alla violenza . Sì , il disinteresse , l’indifferenza , l’isolamento sono forme di violenza premeditata , Cristo è stato condannato da mercenari , ricordate la citazione del Vangelo ovvero che Caifa era sacerdote per quell’anno , un macellaio a tempo insomma   e ricordate come Gesù per quei sacerdoti e per i loro capi usa l’accusa di scribi e farisei ipocriti . Ho rigettato i volti di questa gente , incapace di amare , di dialogare , di pensare bene ma capace di prendere ,arraffare , carpire e vivere in dissonanza dal Vangelo , sono la vergogna della Chiesa perché spingono la gente fuori dalla casa di Dio , non “ in uscita  “come predicano scimmiottando il santo Padre , ma ingannando chi resta , presentando un volto per ogni evenienza , Giani bifronte , o meglio Giani multi fronte , reazionari della peggior specie , borghesi incalliti , che si considerano al di sopra di ogni sospetto per potersi così dedicare ad ogni tipo di eccesso , gozzoviglie , sfrenatezze  raggirando la gente che pone in loro fiducia …. “ guai a voi scribi e farisei ipocriti “ Gesù ben li conosce e ci avverte , mette in gurdia il suo popolo . Uccidono con i loro giudizi , striscianti e celati conniventi con la violenza per poi falsamente condannarla , calandosi e nascondendosi dietro la maschera  di persone per bene , per opportunismo …… satiri  e perbenisti . Provo pena ma anche disgusto per il loro viscido strisciare , per la loro lingua biforcuta , bugiarda per quel continuo mutare pelle secondo le stagioni . Muti , mutano , mutando . Vivo il piacere di  non vederli più , subisco solamente il caso di incrociarli , ma le nostre strade sono così divergenti che per Grazia di Dio , corriamo su sponde opposte  .

Sono la vergogna della Chiesa , gli zimbelli del popolo , i rappresentanti dei perfetti borghesi e delle classi che contano e speculano sui poveri . Sono assenti dalla realtà , dal quotidiano , vivono per il sentito dire , la superficialità è il loro vessillo, il loro credo , il loro progetto è responsabilizzare gli altri per non dovere rendere conto , per non assumere responsabilità .